Chatbot e intelligenza artificiale nella gestione clienti: +29% annuo

Utilizzati già oggi da un numero crescente di aziende per fornire assistenza ai clienti, i chatbot diventeranno sempre più performanti e precisi grazie agli sviluppi nel settore dell’intelligenza artificiale

Se con la digital transformation il lusso digitale si orienterà, probabilmente, verso una sorta di commesso personale altamente specializzato, che seguirà il singolo utente durante ogni step del processo di acquisto, la gestione del cliente a livello generale sarà in futuro dominata dai chatbot dotati di intelligenza artificiale. Gli sviluppi tecnologici in questo settore consentiranno infatti lo sviluppo di assistenti virtuali sempre più efficienti e precisi, in grado di rispondere in modo pertinente offrendo informazioni e risolvendo dubbi e problemi degli utenti.

Il mercato globale dei chatbot dotati di intelligenza artificiale

Da una ricerca di Technavio emerge che il mercato globale dei chatbot crescerà di 1,1 miliardi di dollari entro il 2024, con un tasso annuo di crescita composto (CAGR) pari al 29% nell’arco dei prossimi quattro anni. All’aumento contribuisce per il 34% il territorio del Nord America. La crescita registrata nel corso del 2020 è pari invece al 25,07%. La diffusione dei chatbot con AI è legata sicuramente all’impennata dell’utilizzo degli e-commerce, e la crescita indicata interesserà in gran parte il settore del retail.

@Technavio

Una tendenza in gran parte confermata dal report di Grand View Research, Inc., secondo il quale il mercato globale dei chatbot dovrebbe raggiungere la cifra di 1,25 miliardi di dollari entro il 2025, con un CAGR del 24,3%. I chatbot intelligenti troveranno terreno fertile soprattutto nei settori dell’e-commerce, della sanità e in quello bancario e assicurativo.

@Grand View Research

I vantaggi offerti dai chatbot intelligenti

La crescente popolarità dei chatbot come metodo per coinvolgere i clienti, offrendo un servizio efficace e una customer experience sempre più performante, sta aprendo nuove opportunità per aziende e fornitori di diversi settori. Molte società puntano proprio sull’intelligenza artificiale per migliorarne ulteriormente le funzionalità, raggiungendo così, con un utilizzo su larga scala, anche una consistente riduzione dei costi.

I chatbot risultano vantaggiosi rispetto ad altri strumenti perché possono essere integrati in numerosi canali come siti web, e-mail, SMS o applicazioni di messaggistica istantanea, sempre più utilizzate. I chatbot intelligenti raccolgono i dati dei clienti attraverso le interazioni e forniscono un’esperienza personalizzata. Possono addirittura riconoscere alcune emozioni umane come rabbia, paura, gioia, confusione. E comportarsi di conseguenza.

Le nuove proposte per le aziende

Le proposte nel campo dei chatbot dotati di AI aumentano di giorno in giorno. L’azienda Help Scout con sede a Boston ha sviluppato un chatbot basato su browser utilizzato da oltre 10mila rivenditori in tutto il mondo. BotXO, con sede in Danimarca in Spagna, offre un bot predefinito con oltre 30mila frasi studiate per l’e-commerce. Ancora, Nate, con base a New York, propone un assistente digitale per gli acquisti quotidiani che funziona in diversi negozi online. Una ulteriore evoluzione dei chatbot dotati di intelligenza artificiale sarà la funzione dei comandi vocali, anch’essi sempre più graditi agli utenti: Valyant, ad esempio, sta promuovendo un’applicazione pensata proprio per realizzare chatbot vocali.

All’estero, specialmente negli Stati Uniti, questa tendenza è già una realtà consolidata, anche se in costante sviluppo. In Italia, si stanno muovendo i primi passi: con ogni probabilità, superati gli ostacoli iniziali, nei prossimi anni anche molte aziende nostrane seguiranno a ruota i colleghi di oltreconfine.